Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2010

Bella operazione, di qualità, di Hell Pizza (pizza a domicilio neozelandese).
Alla base lo stesso concetto già visto ad esempio per Tipp-ex con il suo orso: video (girati benino) che, attraverso le scelte dell’utente, costruiscono una storia interattiva.
Nello specifico si tratta di consegnare una pizza in una città infestata di zombie 🙂 bello trash…

Da notare che è il terzo caso di “horror” che mi capita fra le mani in pochi giorni…

Con questo primo video inizia la missione – riuscirà il nostro eroe a fare le scelte giuste e a consegnare la pizza? Riuscirà il giocatore a vincere un anno di pizza gratis?
(dato che il concorso è finito, possiamo svelarvi come è andata: si. la missione è stata compiuta, ma potete godervi lo stesso i video e l’idea).
Assolutamente rimarchevole anche il design del sito 🙂

Read Full Post »

Social Media Week è un network di conferenze che avvengono simultaneamente in diverse città mondiali. Con lo scopo di diffondere una adeguata cultura e consapevolezza dei social media sia a livello professionale sia sociale e divulgativo.

Poteva mancare Geek Advertising? Ovviamente no.

Per non deludere i suoi follower, Geek Advertising è stato uno degli advisor del programma italiano, svoltosi a milano dal 20 a 24 settembre. E ha pure nutrito l’agenda della settimana, con un talk in puro stile geek advertainment.

Grazie a tutti i partecipanti, mi sono divertito e spero altrettanto voi.

PS.

Dalla regia mi dicono che l’evento ha avuto 120 iscritti. Not bad, uh!

Read Full Post »

Dentsu London è un’agenzia che vuole conoscere i mezzi su cui può fare creatività. Prendiamo l’iPad: per capirne le potenzialità, occorre giocarci, sporcarcisi le mani. Così ha fatto Dentsu, realizzando il video che vedete qua sopra.

Mi ha lasciato senza parole. Per cui vi lascio alle loro, scritte nel blog d’agenzia.

Read Full Post »

Ci sono cascato e questi accidenti di socialcosi mi hanno fatto spendere dei soldi in un negozio dove altrimenti non ne avrei spesi.
Una breve, piccola storia: passo davanti a Coin in 5 giornate. Ricordandomi di aver letto da qualche parte che Coin era stato tra i primi in Italia a fare una promozione usando Foursquare, apro l’applicazione e faccio il check-in lì.
Immediatamente appare un messaggio, quelli che credo si chiamino “consigli”: che mi avvisa che da Coin, proprio lì, c’era uno spazio Eataly, con tutte le delikatessen del caso. Accidenti, stavo proprio cercando un formato particolare di pasta introvabile nei negozi normali fuori dalla Liguria ( i brichetti, per il minestrone) ed ero senza the buono…
Finita la riunione mi sono infilato dentro a Coin.. ma non prima di aver dato un’occhiata a Twitter (mentre aspetta che il semaforo pedonale diventi verde, uno deve pur fare qualcosa per far passare il tempo, no?) e scopro che Coin mi ha contattato:
ovviamente rispondo:
E Coin, cortesemente mi risponde:
Si, d’accordo, niente di che. Ma senza Foursquare quei soldi non li avrei dati a Coin ( e gliene darò ancora – per lo meno ad Eataly). E non è stato male avere una conversazione con un grande magazzino… 😉  (e adesso bloggo, facendo amplificazione mediatica…)
PS: ma perchè gli orari dei tweet di Coin sono così orrendamente sballati??

Read Full Post »

L’11 settembre, all’AEC, si è concluso l’Ars Electronica Festival 2010.  Tema: Repair.

Sono sempre più convinto che le agenzie dovrebbero cominciare a guardare a Linz come alla nuova Cannes.

Read Full Post »

Di Old Spice si sono già dette e scritte tutte le parole dell’Enciclopedia Britannica. Nel marasma, segnalo le fonti che ho trovato più interessanti / divertenti: Contagious; Readwriteweb; Holy Kaw; adland.tv.

Qua sopra vi potete pure godere la case history completa.

Cosa dire di più? Beh, che Isaiah Mustafa si è pure vinto un Emmy, assurgendo così a definitivo fenomeno pubblicitario pop.

Ps. Grazie ad Angelo per la segnalazione del video 😉

Read Full Post »

Meraviglioso esperimento degli Arcade Fire con Google Chrome per  creare una Chrome Experience: sfruttando la tecnologia dell’HTML5, il browser moltiplica le sue finestre, aprendole secondo una regia prestabilita che va a pescare le Street views dell’indirizzo segnalato e snocciola così un videoclip ubergeek della canzone We Used To Wait.

Ecco la mia Chrome Experience. La tua è qui.

Read Full Post »

Older Posts »