Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2010

La risposta è si.
(ok, non è che abbiano proprio usato i mattoncini in stop motion, ma il risultato sono 5 minuti di divertimento).

Read Full Post »

Conoscete il meccanismo di donare un euro per ogni sms inviato (gratuiti e non), vero? Bene, pensate alla stessa cosa, ma fatta su un social media come twitter. SMS gratuiti (quindi non c’è neppure la barriera psicologica del pagamento da sfondare) e una call to action veloce e a macchia d’olio.

Ecco fatto: una brillante quanto semplice idea di social campaign sui social media. Social al quadrato, insomma.

(via readwriteweb)

Read Full Post »

Come sapete, tendo ad essere un po’ critico sulle applicazioni pubblicitarie correnti della Realtà Aumentata.

In questo caso do un “like”.

Axa in Belgio ha realizzato un annuncio sui quotidiani, aumentabile tramite iPhone (o meglio – l’annuncio era una specie di teaser, ci vuole un iPhone per capire la faccenda).
La cosa è abbastanza divertente e quindi il fatto di richiedere alle persone di prendersi il mal di pancia di prendere il telefono, applicarlo sul giornale… etc ha un qualche senso 😉
L’annuncio porta, coerentemente, alla possibilità di scaricare l’app di Axa di cui avevo già parlato e che permette, fra l’altro, di fare la denuncia di incidente (diciamo la constatazione amichevole) direttamente dall’iPhone.

Read Full Post »

OK, non ho resistito. Mi sono messo in casa l’AppleTV 2.

Sorvolo su quanto è strepitosa. Sì, è tutto quello che immaginate se avete seguito il consueto parapiglia bloggarolo.

Rispetto a quanto avevo favoleggiato in un precedente post, però, l’Apple TV 2 non ha iOS. Non ancora, mi vien da scrivere, dato che ha lo stesso processore di iPhone4 e iPad e quindi sembra pensata per avere pure lo stesso OS.

Attenzione, le idee non devono solo essere belle, ma anche giuste, soprattutto quanto a tempismo. Pensateci: sono ormai in commercio Kinect di Xbox, Move di Playstation, e ovviamente la Wii di Nintendo. Il mercato del videogaming si è definitamente spostato verso il territorio di cui l’iPhone 4 è autorità somma: disponendo di un’accoppiata accelerometro+giroscopio (+GPS+triangolazione wifi+touchscreen per diventare pure un pad di controllo totale). Ci siete già arrivati da soli, spero: quando l’iOs approderà nell’Apple TV 2 sarà  – oltre che per aprire  iAd  alla TV –  per renderla la console Apple per il videogaming domestico.

Dico, avete presente le recenti sperimentazioni iOS con l’Unreal engine?

Creativi geek, sotto a pensare a strepitosi advergame da salotto!

PS. Preconizzo l’istituzione di una categoria “advergame” nei premi creativi che contano…

Read Full Post »

Meglio tardi che mai… uno dei video virali che hanno più avuto successo quest’anno (prima dell’estate, a dirla tutta): la scarpa usata come materia sonora rielaborata da un mac per fare musica. Nike+ è nato proprio per legare il comportamento dei geekrunner che ascoltano musica con l’iPod mentre fanno sport. Più che un virale, un’operazione algebrica=musica+macintosh+nike.

Read Full Post »

Mah.
Ci sono delle campagne, delle attività di comunicazione che uno non sa bene che dire, se mi permettete lo scivolone sintattico-grammaticale.
Di quelle cose che uno si salva in corner dicendo, beh non sono in target. E che purtuttavia hanno un loro fascino perverso 🙂
Insomma, vedetevi l’attività di comunicazione di Adidas su YouTube.
Per il lancio delle nuove scarpe Adidas da basket dedicate a due giocatori NBA (Derrick Rose e Dwight Howard), la marca delle tre strisie ha creato un canale YT dedicato.
Sì, c’è il giochino interattivo (su YouTube, che non è il solito filmato a scelta multipla ma proprio un gioco dove bisogna fare canestro). Sì ci sono le suonerie e gli sfondi di scrivania.
Ma sopratutto ci sono i video, testimoni di una cultura che per noi è aliena come quella marziana, a occhio e croce… ma con un suo fascino diabolico. O forse sono io che sono troppo sobrio per essere obiettivo…

Read Full Post »

Ikea, lo sappiamo, è montarsi le cose da soli.

Per la prima volta (a che mi risulti) questa filosofia è stata applicata anche al banner.
Quindi il banner apparirà nella sua confezione, dotato del classico manualetto – seguendo il quale qualsiasi utente sarà in grado di assemblare senza aiuti il banner dell’azienda svedese.

Read Full Post »

Older Posts »