Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘viral’ Category

Riporto il post pubblicato sul blog ADCI.

Come fa notare il sempre preciso Mauroman, Red Bull Stratos non è poi tanto diverso da quello che faceva Sector No Limits una 15ina di anni fa con testimonial come Patrick de Gayardon, a parte che c’è Internet di mezzo.
E, in effetti, la presenza di Internet è tutta la differenza. Non solo come potenza di buzz, cosa di per sé non da poco, ma perché ha spostato l’accento della comunicazione di marca sui contenuti: sul content marketing, per fare felici di planner ;-P

15 anni fa, in pieno paradigma televisivo, Patrick de Gayardon e tutta la scuderia di testimonial Sector erano appunto soltanto dei testimonial, degli sportivi estremi che diventavano personaggi televisivi portando con sé il logo Sector e i valori della marca: che era pienamente co-protagonista della comunicazione.

Quello che oggi è cambiato, grazie al paradigm shift internet e geek, è che il volo supersonico di Felix Baumgartner è protagonista assoluto di un’operazione di cui Red Bull è “soltanto” finanziatore e, soprattutto, media company. Perché ha prodotto un contenuto video scientifico/sportivo che stato guardato da oltre 8 milioni di persone live su YouTube e che genererà anche un documentario BBC in onda a Novembre negli States sul National Geographic Channel.
La marca diventa invisibile, cedendo il passo al contenuto e all’atleta. Come nota AdFreak, infatti, la marca è “omnipresent yet invisible”.

Facendo un passo indietro a favore dei contenuti, Red Bull aumenta la sua visibilità e iconicità, al punto che qualcuno già addita l’evento come prossimo oro a Cannes nella categoria special events e live advertising. E a giudicare dal numero di spoof istantanei (qui di seguito vedete quello di Conan o’Brien e, sotto, quello di Ogilvy Vienna, con i Lego), tendo ad essere d’accordo.

Read Full Post »

Siri sta generando una forma di engagement virale e molto geek. Per quale Brand? Siri, naturalmente. E di conseguenza per Apple.
In rete ci sono da mesi tantissimi spoof video su Youtube: talmente tanti e divertenti, che qualcuno ha già stilato le classifiche dei migliori, come questa.

L’effetto Siri è un virale talmente grande che non si ferma alla rete, ma riceve pure una consacrazione televisiva, come nella serie più geek della TV “Big Bang Theory”:

Ora, potrà pure essere un’operazione di product placement e di marketing virale da parte di Apple; tuttavia resta il fatto che Siri esprime il potere di brand engagement che la tecnologia ha, quando tocca le corde giuste di certi comportamenti umani. Nel caso di The big Bang Theory, l’innato desiderio (maschile) di avere una donna che ti ascolta e fa sempre quello che dici: una geisha geek.

Da un punto di vista più ampio, di comunicazione, il comportamento che ha scatenato l’effetto virale e di engagement spontaneo è l’innata tendenza delle persone a far propri i contenuti che trovano piacevoli o divertenti, a remixarli. Un po’ come era già capitato per il Kinect Effect, di cui abbiamo già scritto.

Kirby Ferguson, hai proprio ragione: Everything is a remix.

Read Full Post »

Innovativa iniziativa di crowdsourcing –  in realtà, pretesto per fare un po’ di buzz – non è pensabile che un progetto condiviso di un furgone per le consegne, grazie al suo potenziale “sociale” possa davvero aumentare vendite e fatturati…
Il protagonista è Domino Pizza, non nuova a interessanti progetti digitali e sociali (ad esempio il progetto di aprire un negozio sulla Luna o lapizza crowdsourced).
L’altro player importante è Local Motors – un’azienda di automobili open source. Suona un po’ una follia e forse lo è ma questa azienda permette alle persone di progettare nientepopòdimeno che un’automobile.
Poi se il popolo apprezza il progetto, questa viene davvero messa in produzione. E, in effetti, un veicolo (la Rally Fighter) è effettivamente acquistabile… o meglio è acquistabile l’esperienza di costruirsene una presso la fabbrica di Local Motors, al modico prezzo di 74,900$.
Mettendo insieme i due player si ottiene un concorso per chiedere alle persone di progettare il perfetto automezzo per la consegna a domicilio delle pizze.
Seguono un paio di video di spiegazione e approfondimento. Enjoy.

Read Full Post »

Notevole idea e bella realizzazione per questa operazione di una compagnia di assicurazioni USA.
L’idea della comunicazione è il solito robot più o meno alieno che getta il panico nella solita smallville, distruggendo case e proprietà.
Tutto da manuale, secondo il comandamento “se devi far vedere un problema, fallo in modo divertente così la gente non prova ansia“, contenuto nelle tavole della legge per le assicurazioni.
Lo spot è carino ma – come spesso capita con la pubblicità – perfettamente dimenticabile in breve tempo. Comunque per completezza, lo allego.
Quello che invece merita è lo sviluppo online.
Mettete sul sito il vostro cognome e indirizzo, premete il via e… beh, potete immaginarvi cosa succede 🙂
A me è piaciuto e – al di là dei gusti personali, mi sembra molto interessante questo uso delle immagini satellitari, anche se certo non è il primo esempio.
Insomma, fatevi un giro… ovviamente niente vieta di mettere l’indirizzo del vostro luogo di lavoro e assistere alla sua distruzione… condividendola poi sui social media. Naturalmente è *molto* poco politically correct mettere indirizzi come Piazza Colonna, 370 o via del Plebiscito 102 a Roma … 😉

Read Full Post »

Nel mondo degli auguri “creativi” di S. Valentino, ecco la solita R/GA che si distingue per un’idea semplice semplice. Eppur mi piace!

Fino a ieri la trovavate qui.

Read Full Post »

I miei auguri più geek per le imminenti festività sono un paio di video trovati su Mashable, con protagonista Yoda.

Il primo, qua sopra, è uno dei video (ormai già virali) del minisito LEGO Santa Yoda.

Il secondo, qui sotto, è il video in time lapse di uno Yoda Babbo Natale gigante, costruito nella Union Square di San Francisco. Il messaggio? “Spread holiday cheer with LEGO Star Wars, you must.”

Read Full Post »

Questo è un virale (effetto, non filmato… mi raccomando ;-)): Siri, l’assistente virtuale del nuovo iPhone 4S, usata come partner in un duetto canoro.

Geniale l’idea, che, oltre a essere un divertentissimo video geek, è pure un bel self promotion per l’autore e per la sua app.

Double Kudos!

Read Full Post »

Quelli qua sopra sono i primi 3 episodi di “Everything is a remix”, eccellente documentario (in 4 parti, la 4a è ancora in lavorazione), del videomaker Kirby Ferguson.

Mi piace per 2 motivi:

è un’ottima dissertazione sul tema dell’originalità, che per noi creativi è un argomento cruciale, sia nel lavoro quotidiano sia quando si tratta di premi;

è realizzato su una piattaforma social come vimeo, a dimostrazione che la creatività ormai circola bel al di fuori dei soliti circuiti, e quindi occorre adeguarsi in fretta, pena l’arenarsi su noi stessi e sui soliti vecchi riferimenti (patetico e deleterio quando ciò che è vecchio tenta applicare idee nuove: sempre meglio aprirsi direttamente a ciò che è radicalmente nuovo).

Inoltre è veramente ben fatto… ok, 3 motivi.

Read Full Post »

Lo confesso, le e-cigarette mi intrigano. Da ex-fumatore e da geek, poter fumare in tranquillità, anche nei locali pubblici dove è vietato, una sigaretta elettronica che in realtà è un inalatore high tech di vapore aromatico, mi tenta.

Ancora di più ora, che la Blu Cigs sta sviluppando una nuova e-cigarette il cui pack serve a creare una rete social di e-smokers.

Ok ok, persino a me pare un po’ eccessivo…

(via Springwise)

Read Full Post »

La domanda del titolo è ovviamente retorica: quindi, godetevi quello che, secondo il blog geeks are sexy, è il più interessante unboxing video di tutti i tempi. Di sicuro, ne è il tutorial definitivo 😉

Read Full Post »

Older Posts »