Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘NIN’

Mi riallaccio all’ultimo post di Roberto (questo non è un blog: è un tavolo da ping pong…) per sottoporvi altri due esempi di come gli strumenti tecnologici che usiamo (qualcuno che conosco direbbe “le interfacce”) stiano cambiando il volto del marketing e della comunicazione. 

Se i Coldplay hanno messo un piede nella porta, ovviamente, i NIN non sono stati a guardare: non solo su appstore trovate tap tap revenge NIN edition, ma hanno pure sviluppato NIN: access, un’applicazione che ha fatto parlare di sé non solo per essere un ulteriore passo avanti nella visione geek  che Trent Reznor ha del marketing musicale e che gli ha valso la vittoria di un Webby Award come “Artist of the Year”. L’applicazione, infatti, è stata oggetto di un contendere tra Reznor e la Apple, che inizialmente ne ha rifiutato l’aggiornamento a motivo di oscenità (la canzone “The downward Spiral”) presente nell’applicazione; ma che poi ha ritrattato, di fronte all’osservazione di Reznor che la canzone è comunque in vendita su iTunes.

Il secondo esempio che vi sottopongo è il primo – e italianissimo – fumetto interattivo in vendita sull’appstore dell’iPhone/iPod Touch. Si chiama A Separate World, ed è un magnifico mash-up tra un fumetto e un animatic. Un fumetto più immersivo, con audio, musica, effetti sonori ed effetti digitali per le transizioni tra una vignetta e l’altra, e per sottolineare i disegni. 

La cosa che mi sfrizzola il velopendulo, in entrambi i casi, è la quantità di contenuti e di possibilità di interazione che una sola interfaccia come uno schermo multi-touch portatile può offrire. E come abbia impresso una decisa virata “geek” al marketing (musicale) e alla comunicazione (illustrata).

Certo, poi bisognerebbe capire come avere il tempo per usarle tutte, queste interazioni…

 

Read Full Post »

Vodpod videos no longer available.

Perchè i NIN su Geek Advertising?

Perchè Trent Reznor è il mio John Lennon, in primis.

Ma, soprattutto, perchè – comunque qualcuno inizia a sostenere – i suoi Nine Inch Nails sono il primo esempio di band open source. Il Lights in the Sky Tour, di cui qui sopra avete il trailer in HD, non avrà infatti un DVD ufficiale pubblicato da una major discografica. Quello che il geniale Trent ha deciso, infatti, è di permettere che i fan riprendessero i suoi concerti in HD e distribuissero poi i ponderosi GB di live footage via torrent dalla sezione forum di nin.com, invitando chiunque a farci la propria versione DVD del Lights in the sky tour: insomma, un vero e proprio DVD live open source. 

Se non siete ancora convinti che sia una definizione calzante, allora sappiate che gli ultimi due dischi dei NIN, Ghosts I-IV e The Slip, sono entrambi stati distribuiti gratuitamente ad un bitrate che fa impallidire l’esperimento analogo dei Radiohead con In Rainbows. Sono inoltre pubblicati sotto licenza Creative Commons, con l’invito di condividere e re-mixare i pezzi a piacimento, citando naturalmente sempre la paternità musicale dei NIN.  

Ma ora torniamo agli affari. Perchè Trent Reznor non è esattamente un marketing illiterate: visionario sì, ma non ingenuo. Nonostante la distribuzione gratuita, Ghost I-IV è infatti riuscito ad arrivare in prima posizione nella lista dei best seller di Amazon, facendo incamerare a mr. Reznor 2 nomination ai Grammy e guadagni per milioni di dollari, dei quali nemmeno un centesimo è stato lasciato alle etichette discografiche.

Torniamo alla domanda iniziale: perchè i NIN su Geek Advertising?

Perchè il più grande capolavoro di Trent Reznor, in questi ultimi mesi, non sono stati solo gli album o i concerti, ma anche il primo vero esempio di viral marketing musicale.

Read Full Post »