Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘twitter’

Il Superbowl, l’evento sportivo più visto dagli americani, è stato contraddistinto da un imbarazzante blackout allo stadio durato una mezz’oretta.
Data l’enorme attenzione data dagli investitori pubblicitari a questo spazio, negli ultimi anni le truppe cammellate dei Social Media sono state poste pesantemente a presidio dell’evento, per cercare di fare un po’ di comunicazione senza acquistare i costosissimi spazi pubblicitari.
Insomma, le forze d’elite dei Social sono state schierate, pronte a twittare, a paracadutare status su Facebook e a occupare militarmente il second screen, mentre il primo era occupato dai pubblicitari.

E quando si sono spente le luci ( per il blackout)…

Complimenti per la rapidità di riflessi (e all’aver predisposto un team creativo in presa diretta) a Duracell e a Oreo (perché i biscottini si possono inzuppare anche al buio) 🙂
Qui trovate un dietro le quinte della trovata social di Oreo:  Behind The Scenes Of Oreo’s Real-Time Super Bowl Slam Dunk
E un premio di consolazione anche ad Audi, che si è offerta di inviare un po’ di LED per riaccendere il logo Mercedes nel Superdome…
Anche altre marche hanno cercato di cogliere al volo l’opportunità, ma con risultati decisamente inferiori. Qui trovate un’altra serie di esempi.
Annunci

Read Full Post »

Una perplessità che spesso mi viene riferita è: “Capisco fare pubblicità su Facebook, ma su Twitter come si fa? E’ solo testo!”
Osservazione messa a verbale, ma ora proviamo a fare un esperimento: prendiamo qualcosa di difficile da pubblicizzare, qualcosa di potenzialmente noioso, qualcosa che magari si studia a scuola e quindi per definizione è l’antitesi del coinvolgimento: ad esempio, Cesare Pavese.
E’ un autore gradissimo, che ho riscoperto e apprezzato da adulto; eppure, confesso che a scuola preferivo decisamente i romanzi cyberpunk a “La luna e i falò”. Bene, secondo voi è possibile rendere virale il brand Cesare Pavese?
Avete sicuramente colto il senso retorico della domanda: infatti la risposta è sì, è possibile.

Come? Ad esempio, con un esperimento letterario condotto da Hassan Bogdan Pautàs, che è ormai arrivato al secondo episodio: dedicato, appunto, a “La luna e i falò di Cesare Pavese (complice il direttore della Fondazione Cesare Pavese, Pierluigi Vaccaneo).
Si tratta di un esercizio di decostruzione letteraria (o twitteraria, a questo punto) del capolavoro di Pavese: il gioco è riscriverlo in 140 caratteri ogni due giorni, seguendo la traccia dei 32 capitoli del libro, utilizzando  l’hashtag #LunaFalò per creare il thread twitterario.
Ho usato la parola “gioco” non a caso, infatti questo tipo di esercizio mescola la letteratura “accademica” (nel senso di studiata a scuola) alle logiche della gamification. Con il risultato di coinvolgere davvero le persone a interagire con il libro di Pavese. E renderlo un bell’esempio di virale letterario.

Per la cronaca, il primo episodio era stato, naturalmente, un twitter-esercizio di stile collettivo sugli “Esercizi di stile” di Queneau (#TwitterQueneau): 3 mesi di gioco letterario e un buon risultato di cultural engagement. Se poi consideriamo la cultura come una brand, allora il buon risultato è di autentico brand engagement e marketing virale su Twitter. E se con la letteratura “accademica” si ottengono buoni risultati, credetemi: è possibile ottenerne di eccellenti con una marca.

Read Full Post »

Giorni fa ho letto su mashable di un’operazione a cuore aperto.

Mashable è diventato improvvisamente un sito di cardiochirurgia?

No, è la cardiochirurgia (ospedale di Houston) che per la prima volta è sbarcata su un social network: twittando dal vivo direttamente dalla sala operatoria, dall’account @houstonhospital.

Trovo tutto questo estremamente interessante sia da un punto di vista pubblicitario, in quanto è sicuramente un modo per promuovere le capacità dell’ospedale e dei suoi chirurghi, sia – soprattutto – da un punto di vista antropologico e filosofico: il social networking ha ufficialmente abbattuto la frontiera del corpo.

Il corpo umano è la frontiera definitiva: la sfera dell’individuo, la sua biologia, il suo confine non solo fisico, ma anche psicologico, antropologico, esistenziale. In particolare quando si sta male, il corpo umano è il confine coatto, perché non scelto – dato che è dove ci siamo ritrovati dentro nascendo, che ci rende soli: e quindi più bisognosi di cura, sia morale sia medica. La sala operatoria, oltretutto, è il luogo supremo in cui questo limite è celebrato come un tabù: essendo incoscienti, siamo isolati pure da noi stessi.

Bene, questo confine che madre natura ci ha imposto e che caratterizza la nostra cultura, la nostra morale, e tanto altro, è ora stato violato. Questo confine è diventato informazione. Sì, sono sempre più convinto che il cyborg non sarà un ibrido di carne e di hardware (quello lo siamo già: basta avere una valvola cardiaca artificiale, o una protesi all’anca), per lo meno non solo: saremo ibridi anche di informazioni.

PS. pare che l’ospedale di Houston abbia twittato anche un’operazione al cervello

Read Full Post »

Interessante uso creativo di Twitter (Playboy TweetGrid)
Durante una trasmissione televisiva, i telespettatori sono stati invitati a retwittare un messaggio… in modo che, pian piano, si scoprisse l’anteprima della playmate… vedi alla voce dare una buona motivazione.
Guardatevi il filmato, che spiega bene.

Read Full Post »

E’ da un po’ che sta prendendo piede il concetto di “moneta social”: innocent veg o pay with a tweet.

Bene, questo è il primo caso che io conosca di moneta social per un’iniziativa charity: contro lo spreco di acqua potabile.

#CloseTheTap è un hashtag collegato a una webcam sul sito www.closethetap.co.za, puntato su un rubinetto aperto.

La meccanica è semplice: twitta i tuo impegno a consumare meno acqua e il rubinetto si chiuderà un poco. L’obiettivo: raggiungere 10mila tweet per chiuderlo completamente. Forza!

Read Full Post »

Hai 100 caratteri a disposizione. Componi il tweet con il punteggio più alto del giorno. Vinci una confezione di Scrabble Trickster. Semplice e brillante idea belga: una promozione chiamata Twitter Scrabble promotion.
L’ascesa di Twitter come medium di creatività social continua.

Read Full Post »

Wiki è la parola che più rappresenta questa fase del nuovo millennio. La fase veloce, partecipativa, cognitivamente collettiva. La partecipatività sta ridefinendo la nostra intelligenza, la nostra identità, il nostro modo di comunicare: anche in pubblicità.

Per questo è importante che un libro come WikiBrands, di Moffit e Dover, sia arrivato in Italia: segna un minestrone nella riflessione sul mestiere della comunicazione.

Leggetene la quarta di copertina e capirete:

Il brand continua a rappresentare un valore fondamentale per il business solo se saprà abbracciare pratiche di comunicazione realmente innovative, in una difficile transizione dall’immagine alla relazione. Con l’affacciarsi sul mercato di una nuova generazione di nativi digitali, col passaggio della maggior parte dell’informazione dalle mani delle aziende a quelle delle singole persone e con l’emergere di nuovi comportamenti culturali dettati dalle nuove tecnologie, il marketing si espone a una sfida epocale, individuando strategie basate sull’engagement con i consumatori, sulla collaborazione e persino sulla condivisione della proprietà del brand.

Wikibrand è una chiamata alle armi, una guida strategica e una road map verso il futuro. Un appello alle aziende a spostare l’attenzione da ciò che fanno (pubblicità, comunicazione, vendite) a come lo fanno (connessione, partecipazione, brand engagement).
Il libro, frutto degli studi di due tra i maggiori esperti mondiali di media e marketing, spiega come sfruttare i nuovi modelli di business, le tecnologie e le community di appassionati online, fornendo centinaia di esempi e testimonianze dirette di casi di successo.

Che lavoriate in un’azienda ormai consolidata o che siate alle presa con il lancio di una start up, questo libro saprà offrirvi numerosi spunti e suggerimenti:

  • come creare engagement con i consumatori attraverso il passaparola e i contenuti generati dagli utenti;
  • come generare un’esperienza condivisa di valutazioni, recensioni e cultura online;
  • come costruire una comunità mediante il microblogging e il crowdsourcing.
  • come stabilire una connessione veramente autentica e capace di creare valore.

Destinato a imprenditori e manager, ma anche ai responsabili di marketing e comunicazione che dovranno dirigere questo cambiamento, Wikibrands è uno strumento prezioso anche per gli esperti del digitale, gli studiosi di comunicazione e per chiunque sia interessato a capire come le aziende leader siano costantemente alla ricerca del coinvolgimento del proprio pubblico”.

E’ da diverso tempo che si parla di questo progetto. Sicuramente è da diverso tempo che parlo di questi argomenti con il mio amico e collega Matteo Righi, nelle serate ADCI: discutendo su quanto sia cambiato lo scenario della creatività nel mondo, di quanto occorra ragionare in maniera “partecipativa” e tecnologica se si vogliono produrre idee davvero potenti e rilevanti per le persone. Soltanto idee concepite in questo modo possono davvero alimentare la conversazione, far parlare le persone, facendo parlare anche di sé.

Per questo, per entrambi è stato una piacevolissima sorpresa essere coinvolti, come autori di case history “partecipative” italiane (la mia è l’evento, realizzato dopo la mia uscita da Leo Burnett, Happy Birthday Web, e la prima torta di compleanno in realtà mista: realizzato da MEME, l’agenzia virtuale “partecipativa” che ho creato per l’occasione assieme a Paolo Costa), da Marco Lombardi, presidente Y&R e docente IULM, puntuale e appassionato curatore dell’edizione italiana del volume.

E visto che di “era della partecipazione” si parla, non fermatevi a questo post, ma leggetevi anche quello di Matteo Righi, di Luca de Biase; e partecipate alla conversazione su twitter e su facebook.

Una lettura geekadvertising, senza dubbio.

Read Full Post »

Older Posts »