Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘videogames’

Chi mi conosce sa che MEME è una parola che amo particolarmente, dato che coniuga due mie grandi passioni: cultura e creatività.

Meme definisce infatti l’unità minima di un contagio culturale. E’ insomma il livello culturale di quel comportamento umano che si esprime come viral marketing in ambito pubblicitario.

Anche un videogame può generare un meme. Ad esempio, Mortal Kombat (avevo ancora i capelli quando ci giocavo…) e il “get over here” di Scorpion:

Viene ripreso, ovviamente, anche nella versione cinematografica del gioco:

Infine, per chi negli anni ’80 non si esponeva ai raggi delle lampasso ma, come me, a quelli dei monitor dei videogame, ecco una gallery di “10 Video Game Meme“.

Annunci

Read Full Post »

Integro quanto scritto nel post precedente, con una considerazione a posteriori.

Biophilia è un’opera totale in un senso ancora più interessante, perchè nel suo essere opera d’arte totale, include come elemento artistico anche un nuovo business model musicale: un modello di distribuzione dei brani musicali che non passa solo per i negozi, o per itunes, ma ora, per la prima volta, anche per appstore. Come ho già scritto qui, appstore si è candidato da subito a essere il nuovo medium che non ha la pretesa di essere tale, nel senso tradizionale a cui siamo abituati, ma che di fatto lo è: un medium che non vuole solo spettatori, ma che chiama in causa il cliente finale, e lo fa giocare – letteralmente – con le marche e con i messaggi che veicola. Quindi anche con un album musicale: che, diventando app, costituisce ora un modello di business musicale di acquisto in app dei singoli brani.

Dopo riviste e videogiochi, ora anche gli album diventano un modello di business mobile.

Attenzione, non sono solo espressioni di un nuovo modello di business: sono loro stessi nuovi modelli di business, ciascuno di loro. Con dei tratti in comune, ovvero l’in app purchase, ma anche con delle potenzialità assolutamente peculiari, legate al contenuto dell’app stessa. Se qui si parla di musica, allora il modello di business si svilupperà a partire dal contenuto musicale. Ad esempio, il brano Crystalline (di cui vedete sopra il videoclip girato da Michel Gondry) è anche un videogame, di cui la musica è parte integrante, come colonna sonora dinamica. La musica sarà il prossimo modello di business per i videogames? Assisteremo a un mash-up geek di modelli di business creativi?

Non vedo l’ora.

Read Full Post »

oggi ho fatto WOW vedendo il trailer di Brink fatto dalla AKQA. Decisamente son cambiati i tempi e le tecnologie, ma le emozioni restano le stesse. 😉

Read Full Post »

La nuova versione della GTI viene promossa attraverso un approccio estremamente geek: piazzarla all’interno di un (classico) videogioco di corse di macchine per l’iPhone… ma dando un vantaggio agli utenti: rendendo gratuito questo gioco (firemint Real Racing) altrimenti a pagamento – e si può viincere anche una di queste auto in versione “limited”.

L’idea è nata da una analisi del target di questo veicolo, estremamente affine all’iPhone (e all’iPod Touch, tanto per essere precisi) e dal desiderio di non limitare l’interazione marca-consumatore ai pochi secondi di uno spot o di una pagina pubblicitaria ma di farla durare almeno qualche minuto… un sogno per i pubblicitari fino a qualche anno fa.

Taglio corto, scusate, vado a vedere se questa volta riesco a finire il gioco senza schiantarmi contro il solito muro… 😦

Read Full Post »

E’ la seconda volta che la NASA mette assieme due mie passioni.

Nel 1981 commissionarono ai Rush, una delle mie band preferite e una delle band più geek di sempre, una canzone per celebrare il lancio dello Shuttle Columbia: era Countdown, che i tre di Toronto suonarono live alla NASA durante il lancio.

E, ora, l’ente spaziale americano collabora con Apple per la realizzazione di alcuni giochi che festeggiano il l’anniversario dello sbarco sulla luna.

Non sto a descrivervi i giochi in dettaglio. Se vi interessa, la trovate su Macity.  Quello che interessa a noi, invece, è che la Nasa, per farsi pubblicità e dare risonanza all’anniversario, non usi solo TV radio e stampa, ma anche il più interattivo dei nuovi media: l’App Store di Apple. Ne abbiamo già parlato. E ci fa piacere che la NASA condivida la nostra visione. In fondo, se non si fa pubblicità geek lei, chi altro dovrebbe?

Read Full Post »

Ero giusto adolescente quando è esplosa la mania delle lampade. Quanti sabati trascorsi davanti alla luce UV che abbrustoliva il primo stato dell’epidermide e dava un colore da muratore cotto dal sole che piaceva tanto alle ragazze paninare.  Quanti sabati, sì. Non i miei. Io li trascorrevo davanti ad altre luci, non UV,  che abbrustolivano direttamente il primo stato di tessuto sinaptico. Le luci multicolori dei videogiochi del bar. Quelle luci che mi conferivano un pallore che faceva tanto poeta decadente che piaceva solo alle ragazze che non piacevano a me.  Ero un nerd. (Ero pure metallaro, ma questa è un’altra storia…). E lo sono tuttora. Con la differenza che, per una felicissima alchimia lessicale, oggi non si dice più nerd: si dice geek. Ed è tutta un’altra storia. Siamo i proseliti delle migliori menti del secolo. Steve Jobs è uno di noi. Abbiamo stile. Ne abbiamo talmente tanto, che la moda attinge dai nostri eroi: come per la recente collezione dedicata a Supermario e agli eroi dei videogiochi storici Nintendo. Arcade? No, vintage.

Read Full Post »

Lo sappiamo, tempi duri per vendere CD.

Per fare revenue con la musica bisogna inventarsi modelli di business differenti, probabilmente.

Un’idea l’hanno avuta i Coldplay – usare la musica come leva per far vendere un videogioco (e fare royalties, immagino).

Il gioco in questione è (posso dire, “ovviamente”?) un gioco per l’iPhone ed è una nuova release di una applicazione piuttosto popolare – Tap Tap Revenge, che viene revampata anche grazie all’aiuto di una nuova colonna sonora e ribrandizzata “Coldplay Edition” (3,99 € su iTunes).

Non solo si fa vendite di giochi e quindi soldi per gli autori della colonna sonora, ma si fa anche branding per la band attraverso il gioco – i cui utenti non sono necessariamente (ancora) fan della band e quindi si meticciano ed incrociano i due target 😉

Il gioco contiene 10 canzoni dei Coldplay (quindi in realtà è un album travestito da videogame?) ma anche un news feed dedicato alla band etc. Si mostra dunque che il potenziale di usi innovativi/creativi dei videogiochi come strumenti di comunicazione (geek) è ancora lontano dall’essere esaurito… (vedremo un giorno Metal Gear Solid: Giusy Ferreri Edition?)

Read Full Post »

Older Posts »